Festa dell’Assunta – Benedizione della Cassa e Mazze Processionali restaurate (15.8.2021)

Torna alla Prima Pagina

Conoscere  → Torna alla Storia della Confraternita


Vivere Vita della Confraternita


BENEDIZIONE DELLA CASSA PROCESSIONALE E DELLE MAZZE PROCESSIONALI RESTAURATE

Domenica 15 Agosto 2021, nel corso della Santa Messa, l’Arcivescovo di Genova, Padre Marco, ha benedetto i nuovi ornamenti della nostra amatissima Cassa Processionale e le tre mazze processionali restaurate per volontà dei Confratelli. Per una delle tre mazze, visto il valore storico ed artistico e l’importante impegno economico assunto dall’Arciconfraternita per il triplice restauro, ha contribuito anche Intesa Sanpaolo, nell’ambito del Progetto/Restituzioni.

E se le tre mazze sono state restaurate nel laboratorio della Dottoressa Francesca Olcese, i meravigliosi fiori dei mazzi e del raggio, il nuovo impianto di illuminazione del raggio, sono opera esclusiva dei nostri giovani Confratelli. Esternamente sono state eseguite solo le lavorazioni chimiche che al raggio ed ai fiori hanno dato l’attuale splendida lucentezza.

I Confratelli hanno lavorato da questo inverno alla realizzazione di una manifattura veramente certosina: battitura dei petali e delle foglie, saldatura dei numerosissimi steli, smontaggio e montaggio del raggio ed infine la laboriosa realizzazione del nuovo impianto elettrico.

Dopo una giornata dedicata chi al lavoro e chi allo studio, si ritrovavano in Oratorio ed in piena armonia e grande spirito di collaborazione hanno realizzato quanto è ora sotto gli occhi di tutti. Hanno lavorato con passione dando ancora una volta il meglio di loro stessi. E magari, col tempo contingentato dal coprifuoco dovuto al Covid….
E per “il meglio di loro stessi” intendo che questi giovani hanno messo a frutto quanto recepito dagli insegnamenti ricevuti dai loro padri, dai loro nonni. Confratelli che hanno vissuto pienamente l’esperienza dell’Arciconfraternita. Una Fede, una passione raccolta a piene mani da questi giovani, che noi anziani dobbiamo incoraggiare e sostenere. Sono il futuro dell’Arciconfraternita.

Un solo rammarico: non ha potuto vedere il lavoro finito lo storico Custode della Cassa, Franco Viditz, deceduto dopo lunga malattia il 18 giugno scorso. Confidiamo però che da Lassù abbia visto, sorriso e pregato per i giovani che hanno realizzato il lavoro.

Giuseppe Sacco